Suggerimenti per l’acquisto: dovresti fare attenzione a

Hai appena ricevuto la notizia di essere intollerante al lattosio? Come passo successivo, al supermercato ti trovi adesso forse dubbioso di fronte agli scaffali e ti domandi che cosa esattamente puoi ora effettivamente mangiare e soprattutto: come lo riconosci. Con queste semplici linee guida e suggerimenti, si vuole porre fine a questi dubbi.

  1. Uno sguardo al biglietto da visita: l’etichetta

Quando fai la spesa, dovresti studiare attentamente l’etichetta dei prodotti alimentari. L’etichetta è, per così dire, il biglietto da visita del prodotto. Qui trovi un elenco con le seguenti informazioni:

  • Ingredienti – anche quelli che causano spesso allergie o intolleranze
  • Valori nutrizionali e contenuto energetico
  • Scadenza
  1. L’elenco degli ingredienti

Lo zucchero del latte si cela nell’elenco degli ingredienti non solamente dietro il termine lattosio. Se nell’elenco trovi uno dei seguenti termini, dovresti valutare se prendere il prodotto o meno. Tieni presente inoltre che l’ingrediente al primo posto è quello presente in quantità maggiore. Se uno dei seguenti termini è molto in basso nell’elenco, ciò significa che tu – a seconda della gravità della tua intolleranza – puoi forse addirittura tollerare il prodotto.

 

Lo zucchero del latte si nasconde dietro questi termini:

  • Zucchero del latte
  • Lattosio
  • lattosio monoidrato
  • Latte
  • crema / panna
  • Latte in polvere
  • Siero di latte
  • Latte disidratato
  • Burro

 

Questi ingredienti NON hanno lattosio:

  • Lattato
  • Proteine del latte
  • Acido lattico
  • Batteri / Fermenti lattici
  1. Confezione o porzione?

Quando leggi l’elenco degli ingredienti, fai anche attenzione a quanto segue: il contenuto di lattosio in grammi si riferisce ad una porzione o al totale della confezione? Nel caso in cui il dato sia riferito ad una porzione, la quantità di lattosio deve essere moltiplicata per la quantità totale.

  1. Non sono scolpiti nella pietra: gli ingredienti sono soggetti a cambiamenti

Alcuni produttori di generi alimentari modificano la composizione dei loro prodotti. Pertanto, è sicuramente utile consultare regolarmente l’elenco degli ingredienti dei prodotti conosciuti.

  1. Panificio, macelleria & Co.

In precedenza, dal panettiere o al chiosco, era generalmente impossibile dare uno sguardo all’elenco degli ingredienti. Tuttavia, dal 13 dicembre 2014, nell’UE vige un obbligo di etichettatura degli allergeni. Questo vale anche per merci non confezionate o sfuse: l’indicazione sugli allergeni deve essere orale o scritta. Naturalmente, ciò facilita enormemente l’acquisto per le persone con intolleranza al lattosio. Non ci si può fidare completamente delle merci sfuse – delle merci confezionate invece sì.